fbpx

Sky è la principale Pay tv italiana nata nel lontano 2003 che ha riscosso un eccezionale successo in Germania, UK e Italia. Oggi conta 4 milioni di utenti attivi ma tra mancanza di tempo, avvento di Netflix e costi elevati, in molti richiedono informazioni su come fare disdetta Sky. Affronteremo in questo articolo le procedure da seguire per richiedere la disdetta dell’abbonamento Sky, concentrandoci sui moduli da presentare e i costi da affrontare.

Come disdire l’abbonamento Sky

La disdetta dell’abbonamento Sky può essere eseguita in diversi modi. Innanzitutto l’abbonamento può essere disdetto sia a scadenza anticipata che a scadenza naturale del contratto: vediamo insieme come fare!

Abbonamento Sky: dove è riportata la data di scadenza?

Per prima cosa bisogna conoscere la data di scadenza del contratto. Ultimamente sky ha infatti introdotto una novità secondo cui il nuovo contratto obbliga la permanenza in Sky per 18 mesi. Se si vuole dunque disdire il contratto gratuitamente senza subire penali è necessario procedere o entro 14 giorni dalla firma, periodo di tempo in cui qualsiasi soggetto che ha stipulato un contratto è garantito per legge dal diritto di recesso, o attendere la fine del tempo stabilito.

Collegandosi sul sito di Sky, nella sezione aria clienti, è possibile conoscere la data di scadenza dell’abbonamento. Solitamente Sky per evitare che i clienti interrompano prima del tempo il contratto, offre nel momento della stipula, vantaggiose offerte in cambio però di rispettare i tempi previsti. Nel caso in cui si fa richiesta anticipata di disdetta, bisogna sicuramente pagare delle penali, che nella maggior parte dei casi sono più che salate.

Al cliente restano quindi due strade: pagare le penali o attendere la naturale scadenza del contratto e ricordarsi di richiedere di non rinnovarlo automaticamente.

come disdire gratuitamente sky

come disdire gratuitamente sky

Disdetta Sky: ecco come richiederla gratuitamente 

Come anticipato nel paragrafo precedente, disdire gratuitamente l’abbonamento a Sky è possibile, a patto che lo si faccia entro i 14 giorni dalla data di firma del contratto. Secondo infatti la legge relativa al Codice di Consumo (D.lgs. n. 206/05) si ha diritto di recedere da qualsiasi contratto e/o dai singoli servizi e/o prodotti opzionali senza pagare alcuna penale e senza dover specificare nessun motivo.

Si chiama diritto di ripensamento ed è possibile esercitarlo anche per disdire sky scegliendo una di queste modalità:

  • inviando una richiesta scritta tramite raccomandata AR a: Sky – Casella Postale 13057, 20141 Milano e utilizzando l’apposito modulo scaricabile qui.
  • inviando una PEC (Posta Elettronica Certificata) all’indirizzo servizioclientisky@pec.skytv.it

Il modulo dovrà essere inviato entro i 14 giorni e il cliente non sarà tenuto a pagare nessuna penale e avrà anche diritto al rimborso di tutti i pagamenti effettuati in favore di Sky, compresi eventuali costi di consegna sostenuti per la restituzione dei dispositivi. Come avviene il rimborso? Si seguirà lo stesso mezzo di pagamento usato dal cliente in fase di transizione per il pagamento dell’attivazione del servizio.

Modulo di recesso Sky entro 30 giorni

Il contratto sky si rinnova tacitamente di anno in anno. Ma come fare se si vuole disdire? Il cliente ha due strade da percorrere:

  • Optare per la disdetta a scadenza, compilando il modulo disdetta Sky a scadenza da trasmettere 30 giorni prima del termine
  • Recedere inviando la disdetta prima della scadenza naturale del contratto, inoltrando la comunicazione un preavviso di 30 giorni.

Il cliente è comunque tenuto a pagare il canone degli ultimi 30 giorni essendo che la pratica viene considerata idonea decorsi 30 giorni dalla data di ricezione. Inoltre dovrà anche rimborsare in caso i probabili sconti eventualmente fruiti nel periodo.

Spero che questo articolo ti sia stato utile! Se hai esperienze da raccontare in merito alla disdetta Sky, lasciaci un commento!